Al momento stai visualizzando TIROIDITE DI HASHIMOTO: GUIDA CHIARA E SINTETICA PER CONOSCERE SINTOMI, DIAGNOSI E DIETA

TIROIDITE DI HASHIMOTO: GUIDA CHIARA E SINTETICA PER CONOSCERE SINTOMI, DIAGNOSI E DIETA

Cos’è la Tiroidite di Hashimoto?

La tiroidite di Hashimoto (HT) è la malattia autoimmune più comune e la principale causa di ipotiroidismo. In parole semplici, la HT causa un’infiammazione cronica della ghiandola tiroidea, portando il sistema immunitario ad attaccare la tiroide stessa che a lungo andare non riesce più a produrre ormoni nella norma (=ipotiroidismo).

Tutto ciò influenza il nostro corpo anche in punti distanti dalla tiroide con chiare manifestazioni che impattano sulla qualità di vita. Gli ormoni tiroidei infatti hanno importanti funzioni nel nostro corpo: sono responsabili della velocità del metabolismo basale, del metabolismo dei carboidrati, delle proteine ​​e dei grassi, oltre alla termogenesi, ovvero il meccanismo attraverso il quale il corpo utilizza le calorie immagazzinate per produrre calore.

Quali sono i sintomi e come viene diagnosticata?

Ti senti spesso stanco e debole, perdi i capelli, hai difficoltà di concentrazione, la pelle secca, variazioni di peso inspiegabili o umore a terra? Potrebbero essere segnali della HT. La diagnosi avviene tramite esami del sangue che rilevano gli anticorpi anti-tiroide e un’ecografia della tiroide che mostra eventuali anomalie.

Perchè ho la HT?

Gli esatti meccanismi alla base della HT non sono completamente compresi. Molti fattori provenienti dall’ambiente esterno e dal background genetico contribuiscono all’origine dell’HT.

Secondo numerosi studi, l’eccesso di peso, sia nei bambini che negli adulti, aumenta il rischio di sviluppare la tiroidite di Hashimoto (HT) perchè aumenta lo stress ossidativo.

Anche il microbiota e la disbiosi intestinale sono correlate allo sviluppo della HT. Se vuoi conoscere cosa è l’asse intestino-tiroide, come sono collegati due organi così distanti, guarda il mio video “Tiroide e microbiota” di 2 minuti e mezzo cliccando qui.

Altri fattori che possono essere all’origine dell’HT sono acque potabili troppo cariche di fluoro, alcuni farmaci (pembrolizumab, interferone-α, terapia antiretrovirale ed estrogeni utilizzati per la contraccezione orale o la terapia ormonale sostitutiva) e le infezioni come la rosolia, l’epatite C e il virus Epstein-Barr.

Come viene trattata la Tiroidite di Hashimoto?

Quando la HT si associa ad ipotiroidismo il medico in genere prescrive un ormone tiroideo sintetico da prendere ogni giorno per tutta la vita. 

Potresti sentir parlare anche dell’Ashwagandha (Withania somnifera), un’erba della medicina tradizionale indiana ayurveda, utilizzata per migliorare energia e memoria. Studi mostrano che 600 mg al giorno possono normalizzare i livelli di TSH, T3 e T4 in 8 settimane, riducendo complicazioni tiroidee come stress ossidativo e neuroinfiammazione. Tuttavia, non ci sono prove chiare sull’efficacia a lungo termine per l’ipotiroidismo e si pongono cautele all’utilizzo di questa erba per il potenziale rischio di insufficienza surrenalica.

L’importanza della dieta

La terapia farmacologica non basta! Occorre anche una dieta appropriata.

Hai mai pensato che quello che mangi possa influenzare la tua tiroide? Le abitudini alimentari possono influenzare il rischio di diverse malattie infiammatorie e immunitarie, comprese le malattie autoimmuni, come la HT. Purtroppo gli studi sulle abitudini alimentari sono sempre difficili da condurre e insufficienti per avere risultati chiari. Infatti non esistono ancora linee guida nutrizionali dedicate ai pazienti con HT, ma ci sono opinioni e consigli dei singoli esperti, che a volte sono contraddittori, creando una conseguente confusione. 

Una dieta antinfiammatoria e antiossidante, una dieta che riporti in equilibrio il microbiota intestinale, una corretta integrazione di nutrienti e l’esercizio fisico regolare possono migliorare i risultati della terapia farmacologica perchè:

  • diminuiscono lo stress ossidativo e i livelli di autoanticorpi
  • migliorano la funzione tiroidea
  • rallentano il processo infiammatorio
  • mantengono un peso corporeo adeguato
  • alleviano i sintomi
  • prevengono carenze nutrizionali e disordini metabolici.

La dieta Happygut è la dieta dell’intestino felice perchè ristabilisce un equilibrio nel microbiota intestinale. Se vuoi una consulenza per una dieta personalizzata dell’intestino felice, Happygut, ritagliata in base alle tue esigenze e preferenze, clicca qui.

Ti interessa sapere quali alimenti vanno introdotti nella dieta per la HT? Se vanno eliminati latte, glutine, soia e crucifere? E se sono necessarie integrazioni? Scrivimi nei commenti!

Bibliografia

Mark Messina, Geoffrey Redmond. Effects of soy protein and soybean isoflavones on thyroid function in healthy adults and hypothyroid patients: a review of the relevant literature. Review Thyroid. 2006 Mar;16(3):249-58. doi: 10.1089/thy.2006.16.249. Affiliations expand. PMID: 16571087. DOI: 10.1089/thy.2006.16.249

Yana Danailova et al. Nutritional Management of Thyroiditis of Hashimoto. Int J Mol Sci. 2022 May; 23(9): 5144. Published online 2022 May 5. doi:10.3390/ijms23095144. PMCID: PMC9101513. PMID: 35563541

Dana Larsen. Thyroid, Diet, and Alternative Approaches. J Clin Endocrinol Metab. 2022 Nov 23;107(11):2973-2981. doi: 10.1210/clinem/dgac473. Affiliations expand PMID: 35952387 DOI: 10.1210/clinem/dgac473

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo

Lascia un commento