Struffoli vegani con eritritolo

Si può mangiare il dolce a dieta? Ci sono zuccheri alternativi che riducono i danni del saccarosio sul microbiota? Nutrizione a passi assieme a Cristina De Vita, vegan chef e insegnante di cucina vegetale e di buone pratiche in cucina, ha tenuto una diretta su Instagram, salvata nel feed per chi vuole seguire per intero le informazioni riguardo l’eritritolo, l’alimentazione vegetale e la dieta Happygut e per chi vuol guardare con i propri occhi quanto è semplice preparare questo dolce golosissimo.

Gli ingredienti sono semplicissimi.

Per l’impasto:

250g di grano tenero di tipo 2

20mL di olio di oliva (in alternativa anche olio di mais o girasole)

180mL di liquido (liquore strega o all’anice o limoncello o vino bianco)

buccia di una arancia grattugiata.

Per il miele di eritritolo:

4 cucchiai di eritritolo

2 cucchiai di acqua

una arancia.

Con gli ingredienti dell’impasto si ricava una palla facile da modellare.

Si divide l’impasto per formare dei vermicelli che vengono poi tagliati in piccoli cuscinetti.

Questi cuscinetti vanno fritti in olio di arachide bollente.

A questo punto si passa a preparare il dolcificante che legherà gli struffoli.

In una padella si portano a bollore fino quasi a caramellare: 4 cucchiai di eritritolo, 2 cucchiai di acqua, mezzo spicchio di arancia frullato, buccia di arancia grattugiata.

Appena pronto il dolcificante, vanno conditi immediatamente gli struffoli.

Per aumentare la fluidità, si possono aggiungere a piacere 2 cucchiaini di sciroppo di agave. Il miele di eritritolo assoluto tende ad asciugarsi presto.

Trasferire gli struffoli in un piccolo vassoio. Per la decorazione in alternativa ai classici confettini colorati si possono utilizzare mandorle pelate, nocciole, striscioline di buccia di arancia o limone, cannella di ceylon, semi di finocchio o anice verde….libera la tua fantasia per far felice il microbiota! Se hai idee da aggiungere, scrivici nei commenti.

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo

Lascia un commento